Introduzione a Scratch

Una introduzione a scratch

Scratch è da molti considerato l’ambiente principe per il coding. Esso incarna esattamente l’idea di pensiero computazionale come messa a punto da Seymour Papert e attuata da Mitt Resnick presso il MIT di Boston. L’idea di fondo di Scratch è la possibilità di creare codice incastrando vari pezzi che differiscono per forma e colore. La forma e il colore hanno consentito di codificare tutte le istruzioni di base utili per creare una applicazione. Il grande vantaggio dell’ambiente scratch sta nell’avere in unica schermata tutto quello che serve per sviluppare ma anche per mandare in esecuzione.
L’uso di uno stage in forma di piano cartesiano consente di non avere limiti di creatività.
Un altro grande vantaggio risiede nella possibilità di costruire graficamente gli elementi interattivi definiti sprite, costruire anche la parte audio e soprattutto costruire e disegnare gli sfondi. Stage, sprite e audio sono ampiamente programmabili. A differenza di ambienti più semplici, quindi, qui è possibile partire da zero.

Scratch consente di registrarsi on line e conservare tutte le applicazioni che vengono realizzate.

Uno svantaggio di scratch risiede nel fatto che l’ambiente on line usa la tecnologia flash, quindi esso non è utilizzabile su tablet che non supportino tale tecnologia ma solo su pc sia in versione on line sia in versione stand alone e funzionante off line.

3017total visits,1visits today