Si chiama Coding da Vinci, si legge STEAM e coding nella città di Leonardo

Un progetto particolarmente innovativo, fatto da creatività, coding, programmazione, storytelling e tanto entusiasmo. E’ il nuovo progetto che mi vede coinvolto nell’istituto Comprensivo di Cerreto-Guidi, in provincia di Firenze vicino Vinci, città di Leonardo.

L’occasione è quella del cinquecentenario della morte di Leonardo da rivedere proprio nei luoghi illustrati nei vari dipinti del grande genio.

Il progetto coinvolge 4 classi terminali della scuola primaria nei vari plessi. Gli studenti realizzeranno delle storie narrate con l’ausilio del coding come strumento di sincronizzazione e di riproduzione dei contenuti multimediali. La grande novità adottata in questo progetto riguarda gli STEAM (Science, TEcnology, Art and Mathematics), un intreccio delle varie discipline al fine di realizzare un prodotto finale che le utilizzi tutte. I ragazzi, quindi disegneranno a mano, con i pastelli le scenografie, i personaggi e quant’altro, li digitalizzeranno e li animeranno. Successivamente scriveranno le storie che verranno narrate da loro stessi, riprodotte in formato audio attraverso i dialoghi. Infine la sincronizzazione dei movimenti dei personaggi disegnati, dei dialoghi delle musiche in un lavoro finale.
Grazie alla sua particolarità il progetto consente di lavorare in gruppo, collaborare, esercitare la propria creatività e sviluppare competenze di problem solving. Ogni classe porterà avanti un particolare progetto che concorre a formare un unico prodotto finale.
I lavori sono organizzati in diverse sessioni, alcune con interventi a distanza da parte dell’esperto ed attività laboratoriale da parte dell’insegnante, altre con lezioni partecipate volte ad acquisire le competenze necessarie per operare in autonomia.

Per la prima volta viene utilizzato Google CS-First, uno strumento interessante di gestione di gruppi di progetto sul coding che consente di organizzare le attività, i tempi e tutto ciò che serve ad avere il controllo sui lavori che i ragazzi via via realizzano.

Al progetto è legato un blog- diario di bordo: www.codingdavinci.it che contiene le attività che man mano i ragazzi svolgono, i lavori, le comunicazioni e soprattutto il progetto finale.
Coding da vinci è iniziato a metà marzo 2018 e terminerà verso la fine dell’anno scolastico.

 

Al progetto ho il piacere di lavorare a stretto contatto con Anna Marconetti, vicepreside dell’istituto e molto attiva nel contesto delle nuove tecnologie per la didattica. E’ anche grazie alla sua grande capacità che riesco ad occuparmi di un progetto interessante come questo a 1000 km di distanza da dove vivo.